martedì 3 settembre 2013

La Panzanella


Con questo post inizio una nuova rubrica del mio blogghino, dedicata alle ricette.
Fra le mie passioni c'è quella di cucinare e sono anche una buona forchetta -come dimostra il mio lato B-, mangio di tutto -o quasi-, assaggio ogni novità e la dieta per me è una vera tortura, tanto che quando l'ho fatta ho cercato in ogni modo di rendere appetitoso anche le insalate e le microporzioni di pasta che mi spettavano.

La prima ricetta in realtà è una non-ricetta, perchè è talmente banale da preparare che non può degnarsi di questa definizione.
Però l'ho scelta perchè non so quante fra le mie lettrici sono toscane e questo è uno dei piatti che preferisco d'estate, quando l'afa incombe, non si ha voglia di accendere i fornelli.
E inoltre è un piatto "ricicloso" perchè si fa con gli avanzi di pane del giorno prima.

Cosa serve:

. pane secco avanzato di 2/3 giorni prima: il miglior pane è il toscano cotto a legna, senza sale e dalla consistenza corposa, perchè non si sbriciola troppo una volta ammollato

. pomodori

. cetriolo

. qualche foglia di insalata

. cipolla rossa

Come si fa:

Si taglia il pane a fette grosse e lo si mette in ammollo in acqua ghiacciata e lo si lascia almeno una mezz'oretta nel frigorifero.
Una volta che il pane è ben ammollato si strizza molto bene e lo si sbriciola grossolanamente in una ciotola.
Unire pomodori a pezzi, fette di cetriolo, qualche foglia di insalata e abbondante cipolla rossa tagliata fine.

Condire con olio d'oliva, sale e aceto di vino rosso (non balsamico!).

Guarnire con qualhe foglia di basilico.

Ricetta facile e fresca, perfetta per un pranzo estivo, provatela e fatemi sapere cosa ve ne pare.

1 commento:

Lasciatemi una traccia del vostro passaggio...
Ogni vostro suggerimento è prezioso!